Area di Confronto

Per aggiornare la pagina premere il tast F5 della tastiera

In questo blog il contenuto dei commenti è sotto la responsabilità di chi scrive e non di chi lo gestisce. Si prega di sottostare non solo alle leggi vigenti, ma anche alle comuni regole del buon senso e dell’educazione, evitando di insultare, diffamare, calunniare e minacciare. Lo scopo del blog è quello di fornire uno strumento utile a tutti coloro che vogliono confrontarsi in maniera costruttiva sulla vicenda. Il sistema è moderato in quanto per motivi di lavoro e personali non è possibile un monitoraggio costante di ciò che viene pubblicato. I commenti firmati con nickname Anonimo non saranno pubblicati. Si confida nella vostra massima comprensione e disponibilità.

20.673 risposte a Area di Confronto

  1. ANONIMO scrive:

    HERON Ventures Ltd
    Informazioni sulla società
    Suite 01/02, 68, Litorale Pla, The Strand
    Sliema , Malta
    + 356-20928930

  2. la torta DI MENNELLA scrive:

    aldo scrive:
    29 ottobre 2014 17:18 alle 17:18
    bisogna fermare le aste se no gli immobili faranno la fine delle navi verranno vendute senza controlli per pochi soldi agli amici degli amici. il comitato dei creditori , il signor colapietro sta a guardare tanto sono riusciti a raggiungere il traguardo del fallimento per loro è una grande vittoria per noi una grossa sconfitta.
    …………………………………………………………………………………………………………………………………
    Aldo come ben si conoscono le ultime vicende////
    O’ pesc’ fet ‘ra cap’!!!

    devono lasciare subito gli incarichi conferiti l’a corruzzione e’ alla luce di tutti
    ……..invece di attaccare futili manifesti bisogna fare un corteo massiccio,organizzato ad ok’ convocare i media nazionali escludere i media locali che sono gestibili come ben si e’ VISTO,non siamo andati oltre torre annunziata manco un aborto e’ cosi silente.
    gia’ quell’intercettazione dice tutto e passa sempre silente (QUELLA
    CHE DICE LO SFIZIO TE LO SEI TOLTO ORA DICI ANCHE ALLA GENTE CHE NON RECUPERERANNO NULLA…. TUTTE QUESTE PERSONE COINVOLTE, STANNO ANCORA LI, TI LASCIO IMMAGGINARE .
    SOLO NOI POSSIAMO BLOCCARE TUTTO. INIZIANO DA CHI CI ASSISTE DEVONO ANDARSENE TUTTI A CASA E SE USCIRANNO PROVE DI ILLECITI IN GALERA INSIEME AGLI IMPUTATI.

  3. NUNZIO scrive:

    MI, VI CHIEDO PERCHE IN ITALIA NON SI SA NIENTE DELLA FACCENDA DEULEMAR?????????????????????????????????
    IO VIVO LONTANO DE TORRE , QUI NESSUNO SA NIENTE COME MAI???????????????????????
    FATE PARTE ANCHE VOI DELL’ ITALIA O NO????????????????????

  4. aldo scrive:

    bisogna fermare le aste se no gli immobili faranno la fine delle navi verranno vendute senza controlli per pochi soldi agli amici degli amici. il comitato dei creditori , il signor colapietro sta a guardare tanto sono riusciti a raggiungere il traguardo del fallimento per loro è una grande vittoria per noi una grossa sconfitta.

  5. Albatros scrive:

    Chiacchiere, chiacchiere, chiacchiere questo siete buoni a fare ma soprattutto godere delle disgrazie altrui per questo non recuperate un becco di un quattrino.

  6. Argento scrive:

    Più che un film a luci rosse è un film Horror visti i protagonisti “maschili”!!

  7. Ciro La Ruota scrive:

    L’AMMUCCHIATA dove tutto è permesso!

    http://h.dropcanvas.com/x0ia9/lammucchiata.jpg

  8. sert scrive:

    OVVIAMENTE SOTTO PRESTANOMI COME HANNO SEMPRE FATTO CHIAMATELI SCEMI…………………

  9. sert scrive:

    SVEGLIA……….DIETRO LA VENDITA DELLE NAVI ALL’ASTA CI SONO SEMPRE LORO I VAMPIRI DEIULEMAR E NESSUNO CONTROLLA UN C…O

  10. la torta DI MENNELLA scrive:

    il fallimento pilotato. i rappresentanti della legge non ho parole visto i retrosceni delle supposte che stanno uscendo fuori.
    insomma tutti a spartirsi questa mega torta. , SI SCANNANO PER AVERE LA FETTA PIU’ GRANDE ….PEGGIO DEI VAMPIRI—

    TUTTI CON LA MANI NELLA TORTA PRIMA ,DURANTE E DOPO.
    AZ CHE LEGALITA, TRASPARENZA, INTERROGAZIONI PARLAMENTARI
    SI STA CONSUMANDO TUTTO UN PO ALLA VOLTA GIORNO PER GIORNO.

    L’ANTIMAFIA (PRESIDIO FISSO A TORRE ANNUNZIATA) AQUISIZIONE DI TUTTI I FASCICOLI CAMBIO DEI GESTORI DAL CANCELLIERE ,COMITATO ,E G.D…………… BASTAAAAAAAAAAAAAAAAA

  11. x Albatros scrive:

    l’unica soddisfazione sarà vedere i “dipendenti” col culo per terra finalmente!!

  12. x Albatros scrive:

    mossa scontata da parte di Heron, così le navi acquistate da terzi, si presume in buona fede, non potranno essere riportate indietro al fallimento quando si scoprirà fra breve che l’asta è stata fatta ad arte coi prestanome dei vampiri per sottrarre la flotta al fallimento. E come sempre “nessuno” ha visto e “nessuno” ha sentito!!

  13. Albatros scrive:

    Per Anonimo:
    La Heron Ventures di Malta ha già venduto tutte le navi acquistate all’asta da Deiulemar Shipping e tra poco licenzia pure i dipendenti. L’ Italia intera merita il fallimento per corruzione da parte di organi preposti alla vigilanza.

  14. lettore scrive:

    Cio che risulta chiaro è l’intreccio di personaggi della pseudo alta finanza locale, per lungo periodo si sono mossi indisturbati, frodando e truffando tutto e tutti, utilizzando quindi le giuste coperture, ora i pesci piccoli sono stati “acchiappati” ma i nomi dei peschi grandi, quando saranno fatti, o questi cafoni arricchiti pagheranno anche per loro, se mai pagheranno?

  15. Avv. Pippo Calippo scrive:

    ET DEVONO INDAGARE ANCHE SULL’AVVOCATO C**O SE**O DELLA SOCIETA DI REVISIONE DELLA ER*EST & YOUNG E L’AMMINISTRATORE DI DEIULEMAR HOLDING A***LLO LA**ETTA. CI SONO PROVE INCONFUTABILI(BIGLIETTI AEREI a/r) DEI LORO VIAGGI A MALTA (MOSSI SEMPRE DAL VAMPIRO ADG) !!

    A***LLO LA**ETTA sa molte cose… il problema è che ha messo al primo posto il suo C**O più che la serenità di 13000 famiglie.
    In questa storia non c’è un solo personaggio che non sia SPORCO.

  16. Avv. Pippo Calippo scrive:

    Docce e Gabinetti assolti in Cassazione “perché il Cacchio non sussiste”

    http://tinyurl.com/kckoue2

  17. FUORI TORRE x corrado scrive:

    e bisogna anke sapere un altra cosa…., sono gli stessi presenti alla colazione a base di CAFFE’ dello SKIARVAKIUOVO MAGNA KIAGNI E FOTTI …..?

  18. Squali e vampiri scrive:

    x Mario

    Intanto Gallo e il m5 stelle dovevano chiedere la famosa commisisone di inchiesta (che secondo me non serve a nulla perchè i complici dei vampiri stanno proprio in Parlamento, gli squali appunto come ha detto nel video) sulla deiulemar. E’ stata fatta? si farà? Se non per questo perchè è venuto a fare a Torre il deputato 5 stelle?

  19. Corrado scrive:

    x il pranzo è servito

    bisogna vedere se e che legami hanno questi ufficiali dei carabinieri e della finanza corrotti anche coi Deiule, forse sono proprio gli stessi che hanno insabbiato per anni anche le malefatte dei vampiri!! ecco perchè nonostante le segnalazioni nulla fu fatto da chi di dovere per evitare la truffa!! è l’unica spiegazione possibile!

  20. FUORI TORRE scrive:

    x la serie altro ke BEAUTIFUL…..,qua ne potrebbe uscire fuori una telenovela senza fine……, mo’ vai a capire x quale motivo il re delle supposte ” avrebbe messo” in giro la voce del fallimento, facendola poi fallire veramente con il risveglio dell’ ormai famosissimo ” cane che dorme”…….?

  21. x la torta DI MENNELLA scrive:

    perchè fu lui a mettere in giro le voci della crisi della DCN???

  22. Il pranzo è servito scrive:

    Precchie d’urat e fritt:
    http://tinyurl.com/proue2w

  23. Il pranzo è servito scrive:

    Munnezza arricanata:
    http://tinyurl.com/p7466gq

  24. FUORI TORRE scrive:

    ma secondo voi e’ + potente il cianuro di potassio o l’ arsenico? boh….?

  25. Anonimo scrive:

    h***s://scontent-b-mxp.xx.fbcdn.net/hphotos-xfa1/v/t1.0-9/401785_2293836506059_1139910656_n.jpg?oh=ac1cc9ae163e5979d1fccee746efde62&oe=54AAB113

    h***s://fbcdn-sphotos-e-a.akamaihd.net/hphotos-ak-xaf1/v/t1.0-9/19163_1318568815178_5205362_n.jpg?oh=ed3aadc45996246c2667a04f93b09378&oe=54ADA847&__gda__=1424181177_05f1b46b4b373c2825b6eae0aa772b04

    P.D.G.

  26. la torta DI MENNELLA scrive:

    riassuno delle puntate precedenti.
    allora il tutto e’ partito da una voce messa in giro dal re delle supposte.
    e di conseguenza tutti a ritirare le cedole.
    il perche’ …( gli ha portato la donna ……che vendetta crudele ha innescato la miccia per il fallimento)
    e ora per vendetta si stanno scannando a vicenda.
    l’unica differenza che il gatto non miagola, (per ora)
    ma il re delle supposte, c’e’ ne voluta una per farlo parlare e uno scatolo per farlo stare zitto.
    a questo punto dobbiamo solo spettare un altro pochino e’ uscira’ tutto a galla.
    che dire ci volevano le supposte dicono che i cinesi fanno le supposte di un metro….

    ma a malta di due metri .

    p.s. metti il video ……..

  27. ANONIMO scrive:

    L’asta Deiulemar Shipping sta facendo molto discutere dopo l’aggiudicazione alla società maltese Heron Ventures (partecipata da York Capital, Augustea, OceanBulk e Bunge) che rileverà per 82,5 milioni di euro il ramo dry bulk comprendente 12 navi e 30 dipendenti.
    Nonostante la vendita in un lotto unico fosse stata promossa con il via libera del Comitato dei Creditori (con in prima fila le banche finanziatrici della flotta), alcune parti in causa fanno ora notare che, guardando ai valori di mercato attuali delle navi, la curatela fallimentare avrebbe potuto fare di più per massimizzare la soddisfazione dei creditori. Ad esempio scegliendo di vendere i singoli asset (o raggruppamenti di essi) con apposite aste separate. Il prezzo base dell’asta, fissato secondo quanto stabilito dalla perizia elaborata la scorsa estate dal Prof. Bini della Bocconi, era di 81 milioni di euro.
    Nel frattempo, però, il mercato dello shipping in questi mesi è salito notevolmente e in effetti, secondo quanto ricostruito con i dati forniti da VesselsValue.com (database specializzato nella valutazione di asset navali), le 12 bulk carrier che compongono la flotta Deiulemar attualmente varrebbero oltre 134 milioni di euro. Ben 50 milioni in più rispetto al prezzo di aggiudicazione (provvisoria) pagato da Heron Ventures. Anche scontando da questo valore la condizione in cui si trovano le navi (quattro sono in disarmo in Malesia), il ‘prezzo’ della forza lavoro da mantenere inalterata per almeno due anni (30 dipendenti di cui 18 assunti a tempo indeterminato) e l’impegno a lasciare in provincia di Napoli (attualmente è a Torre del Greco) la sede dell’azienda, appare comunque un ottimo affare. Difficile comunque che la partita si possa riaprire perché i curatori (il commercialista Giovanni Alari e l’avvocato Maurizio Orlando) hanno la possibilità di sospendere la vendita solo nel caso pervenga, entro 5 giorni dall’aggiudicazione provvisoria, un’offerta irrevocabile d’acquisto migliorativa per un importo non inferiore al 10% del prezzo di aggiudicazione. In soldoni, dunque, un eventuale altro acquirente interessato dovrebbe mettere sul piatto quasi 91 milioni di euro per rientrare in gioco. E da quanto si apprende sono stati diversi gli operatori che hanno chiesto di poter fare una due diligence sul ramo dry bulk di Deiulemar Shipping salvo poi, per morivi vari, non presentare un’offerta in busta chiusa entro i limiti temporali imposti dal Tribunale.
    La scelta di procedere alla vendita in blocco del ramo dry bulk è stata dettata principalmente da due fattori: in primis quello di cercare di inserire una sorta di clausola sociale che per due anni garantisse occupazione ai dipendenti dell’azienda e, secondariamente, accelerare la liquidazione di asset che hanno elevati costi operativi giornalieri.
    Interpellato per un commento su questa vicenda, Fabrizio Vettosi (direttore generale del fondo Venice Shipping & Logistics), concorda con chi ritiene che sarebbe stato meglio vendere le navi all’asta singolarmente: “Di fatto il Comitato dei Creditori ha ‘buttato via’ 35 milioni di euro scegliendo di vendere il ramo dry bulk in un unico lotto e per questo non si può non tacciare di scarsa efficienza il Tribunale e la curatela”. L’esposizione maggiore degli istituti di credito (oltre 150 milioni di euro) fa capo a Intesa, Unicredit e Mps. Vettosi sottolinea come proprio le banche “avrebbero potuto mettere in piedi una società veicolo, in partnership con il gruppo italiano Augustea, OceanBulke il trader Bunge, per acquisire il ramo dry bulk, evitando di lasciare questo affare nelle mani del fondo statunitense York Capital”.
    Critiche rispedite al mittente dalla curatela fallimentare che ricorda come “la vendita, così come effettuata, è stata ritualmente autorizzata non solo dal Giudice Delegato, ma anche dal Comitato dei Creditori, organo rappresentativo dell’intero ceto creditorio”. Alari e Orlando ricordano inoltre che nella perizia redatta la scorsa estate, “il prof. Bini spiega come la particolare natura della vendita (fallimentare) deprima i valori di aggiudica rispetto ai valori dei broker e attesta la maggiore convenienza per la massa della vendita del complesso aziendale rispetto alla vendita atomistica. L’articolato lavoro dell’esperto offre numerosi spunti scientifici di riflessione e si basa su almeno un paio di solidi database di riconosciuta affidabilità. Dunque, molto più che semplici illazioni di ‘creditori interessati’, i quali potranno comunque fare ricorso, se lo riterranno e ricorrendone i presupposti, a quanto previsto dalla legge al riguardo”. Entro pochi giorni il trio York Capital – Augustea – Bunge saprà se potrà festeggiare l’aggiudicazione definitiva delle nevai e del personale o meno.

    La flotta ABY continua a crescere

    Heron Ventures Limited, la società con sede a Malta che si è aggiudicata all’asta fallimentare il ramo dry bulk di Deiulemar Shipping, è una joint venture partecipata in maggioranza dal socio finanziario americano York Capital e in quote minoritarie da Bunge, dal gruppo armatoriale greco Oceanbulk (Petros Pappas) e da Augustea Atlantica (famiglia Zagari). In attesa di dettagli più precisi sulla società, sembra di capire che entrerà a far parte di ABY Holding (S2S n.40/2013).
    ABY Holding a pochi mesi di distanza dalla sua costituzione, vanta già una flotta di 7 unità: oltre alla Grand Diva acquistata di recente (S2S n.2/2014), la società ha preso il controllo della flotta di Augustea Bunge Maritime Ltd rilevando quindi due navi “in acqua” (ABML Eva e ABML Grace), due Kamsarmax e due Ultramax (eco type) di nuova costruzione con consegne rispettivamente nel 2014 e nel 2015.
    Koert Erhardt, procuratore della Heron Ventures Limited (nonché amministratore delegato della joint venture Augustea Bunge Maritime e della ABY Holding), ha indicato fra le prime operatività previste dal momento dell’acquisizione di Deiulemar Shipping, la valutazione degli interventi necessari per il ripristino dell’efficienza della flotta gestita in questi anni dalla curatela fallimentare: “Sicuramente cercheremo di valorizzare le navi e alcune di queste, laddove necessario e opportuno, saranno sottoposte ad appropriati interventi di revisione e manutenzione con una attenta disamina del rapporto costi/benefici”. Ma anche la gestione della sede e dei lavoratori dell’ex società di Torre del Greco rientrano nelle priorità indicate: “È chiaro che il nostro auspicio e i nostri sforzi saranno tesi al rilancio delle attività quale veicolo indispensabile anche per il mantenimento e lo sviluppo occupazionale per il personale di terra e di mare. Nei nostri programmi futuri c’è l’allestimento di una nuova sede per la società: efficiente, dignitosa e all’altezza del personale che sappiamo avere alti livelli di impegno e professionalità”.

  28. ANONIMO scrive:

    Dove è la semestrale della Deiulemar Shipping??? Ho curiosità di vedere a quanto ammontano le spese legali, le perizie e l’ammontare e ripartizione dell’attivo……Non vorrei che…….. tali spese siano state inserite nella DCN……………

  29. Phelps95 scrive:

    L**y M, pare che il tuo attuale compagno A*G ti abbia ripreso mentre davi il meglio di te, come se la ridevano…..
    Tra poco ti vedremo sul web, B***n 2 la vendetta.

  30. GUELFI E GHIBELLINI scrive:

    NON ME NE VOLETE, NON RECUPEREREMO UNO SOLO EURO.
    QUESTA È UNA VICENDA TORBIDA.
    TUTTO È TORBIDO.

Pagina 345 of 345« Prima...«338339340341342343344345

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>